Buone prassi di economia circolare – ICESP, Enea

Il Centro Culturale San Martino è membro del Gruppo di lavoro “Città e territorio. Economia circolare nelle aree urbane e periurbane” che opera all’interno della Piattaforma Italiana dell’economia circolare, promossa dall’ENEA. Come stabilito nella riunione del 25 Settembre 2019 a Roma, la nostra associazione ha il compito di sviluppare il settore “Scuola e cultura” nei contesti urbani per una rassegna multidisciplinare e multisettoriale in fase di realizzazione con il contributo di vari stakeholders nazionali.  Per favorire la partecipazione del territorio alla strategia nazionale ed europea dell’economia circolare e dello sviluppo sostenibile, INVITIAMO istituzioni, enti pubblici e privati, scuole, aziende, associazioni ed esperti del settore a compilare e inviare un modulo di buone pratiche. C’è tempo fino al 20 Ottobre!

Aggiornamenti

Il “Centro Culturale San Martino”.

 

1) è iscritto nel Registro  delle associazioni di promozione sociale della Regione Puglia;

 

2) è iscritto nell’Elenco regionale delle organizzazioni di terzo e quarto settore per la formalizzazione di partnership con il Garante regionale dei diritti del Minore. Esito avviso pubblico di cui alla determinazione della Sezione Garanti regionali n. 49/2018 (aggiornamento del 2 Luglio).

 

3) dal 18 Luglio è iscritto anche nell’Albo regionale dei soggetti operatori di partenariato, di cooperazione internazionale e di promozione della cultura dei diritti umani”. DPGR 299/2019 – anno 2019. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 luglio 2019, n. 440 Legge regionale 25 agosto 2003, n. 20 ‘Partenariato per la cooperazione’ – art. 9.

 

            Nell’ambito della legge regionale sulla partecipazione della Regione Puglia, Il 31 Maggio 2019 abbiamo presentato una proposta progettuale sul tema dell’agricoltura sociale e dell’educazione allo sviluppo sostenibile con il partenariato del GAL Capo S. Maria di Leuca, del Forum nazionale dell’agricoltura sociale, della Parrocchia Beata Vergine Maria Addolorata di Taviano.

 

 

            Per promuovere il dialogo interculturale, la pace e la cultura dei diritti umani, stiamo costruendo un percorso culturale e il 22 Luglio 2019 abbiamo presentato alla Regione Puglia una proposta progettuale con il partenariato dell’Università del Salento (Corso di laurea in scienze politiche e delle relazioni internazionali), della Fondazione Emmanuel – Don Francesco Tarantini per le Migrazioni e il Sud del Mondo, con il partenariato dell’Istituto Comprensivo Statale Italo Calvino di Alliste, con il partenariato dell’Associazione Integra Onlus, dell’Associazione popoli e culture onlus, con il partenariato del Progetto Agapolis – Parrocchia Sant’Antonio di Padova di Gallipoli e con tutti coloro che vorranno contribuire alla costruzione di nuovi orizzonti.

 

 

 

“Shared Views on key issues in the Mediterranean” (Barcellona 22-23 Maggio 2019)

 

Il Centro Culturale San Martino di Taviano ha partecipato alla conferenza “Shared Views on key issues in the Mediterranean” (Barcellona 22-23 Maggio 2019), organizzata dall’ Union for the Mediterranean (UfM) in collaborazione con l’Instituto de la Juventud (InJuve), il Centre for Mediterranean Integration (CMI), l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), la Fondazione Anna Lindh (ALF) e il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA). La conferenza ha riunito oltre 100 rappresentanti della società civile per riflettere sulle sfide ambientali, educative, sociali ed economiche della regione euromediterranea, per proporre raccomandazioni e per favorire la cooperazione. In particolare, il Centro San
Martino ha partecipato alla tavola rotonda “Rethinking education”.

“THE LEGACY OF ST. MARTIN OF TOURS IN EUROPE AND IN HUNGARY” (Szombathely, 16-17 Maggio 2019)

Legacy of St Martin – Conference (1)Silvio Spiri (Invitation from the Mayor)Silvio Spiri (Invitation from the Museum Director)

È stata una grande emozione parlare del culto di San Martino a Taviano e in Puglia a Szombathely, in Ungheria, la città in cui è nato San Martino. Come rappresentante del Centro Culturale, che è anche partner della rete europea, ho partecipato alla conferenza “THE LEGACY OF ST. MARTIN OF TOURS IN EUROPE AND IN HUNGARY”. Grazie a Ildikó Szommer (Savaria Museum – Saint Martin Institute), a Róbert Orbán (The Hungarian Council of Saint Martin European Cultural Route) e all’amministrazione comunale di Szombathely per l’invito e per l’ospitalità. Camminando sulle strade della solidarietà e seguendo l’esempio di San Martino, personaggio europeo, possiamo costruire l’Europa dei popoli ed estendere l’itinerario europeo di S. Martino anche in Puglia.

Allarghiamo gli orizzonti.

“We exist to build more inclusive, empathetic and resilient societies, to fight growing mistrust and polarisation”.

Da oggi ( 6 Maggio) il “Centro Culturale San Martino – Regione Puglia” di Taviano è ufficialmente membro anche del Network europeo ANNA LINDH FOUNDATION – EUROMED. La nostra candidatura, inoltrata tramite la rete italiana del Dialogo euro-mediterraneo, è stata accolta. La Fondazione euromediterranea Anna Lindh per il Dialogo tra le culture è una rete di organizzazioni della società civile impegnate nella promozione del dialogo interculturale nella regione mediterranea.

N.B. L’associazione San Martino è anche membro della Rete Italiana per il Dialogo euro-mediterraneo (RIDE-ATS) che riunisce associazioni ed enti pubblici e privati (profit e no-profit). La Rete opera al fine di realizzare i principi della Carta delle Nazioni Unite e, a livello europeo, e gli obiettivi del partenariato euro-mediterraneo contenuti nella Dichiarazione di Barcellona del novembre 1995, coerentemente con gli obiettivi della “Fondazione Euro-mediterranea Anna Lindh per il Dialogo tra le Culture” (FAL, o secondo la dicitura inglese Anna Lindh Foundation-ALF) della quale la RIDE-APS si costituisce come “Rete Italiana”.

Costituzione della “Destinazione Turistica Sud Salento”.

Il 13 Marzo 2019 alcuni membri dell’associazione (Dario, Danilo e Aldo) hanno partecipato ad una conferenza di partenariato convocata ad Ugento presso la Chiesa di Santa Filomena, attigua alla residenza municipale, che ha dato avvio all’iniziativa “Destinazione Turistica Sud Salento”.  I Comuni dell’area del Capo di Leuca, attraverso l’adozione del preliminare di “Strategia” Aree Interne e Terre D’Otranto con il Programma d’area/Autorità urbana per lo “Sviluppo Urbano Sostenibile”, e la partecipazione alla “macro area” del progetto “Sistema Integrato Culturale” sud Salento, sono impegnati ad attuare alcuni degli indirizzi previsti dal piano Strategico del Turismo Regionale 2014-2022.  Allo scopo di coordinare e iniziative dei diversi attori dello sviluppo turistico, pubblici e privati, ed un utilizzo efficace ed integrato delle risorse, secondo gli indirizzi condivisi della programmazione regionale i Comuni coinvolti in data 29.10.2018 hanno perfezionato la sottoscrizione di una Convenzione con la quale hanno dato concreto avvio all’iniziativa denominata “Destinazione Turistica Sud Salento”.

Il programma culturale mira a dotare il territorio di uno strumento di governance nel settore turistico, come forma stabile di collaborazione e confronto tra i Comuni coinvolti, la Regione Puglia, Puglia Promozione ed altri portatori d’interesse pubblici e privati, perseguendo i seguenti ambiziosi obiettivi:

  • promuovere un “marchio d’area” attraverso l’adozione di un disciplinare di adesione;
  • integrare l’offerta turistica della costa con la filiera produttiva agroalimentare, culturale, del paesaggio, su progetti di promozione e commercializzazione;
  • coordinare ed integrare l’attività di informazione, promozione e commercializzazione dei soggetti pubblici, a partecipazione pubblica, gli IAT, GAL, Parchi, con l’iniziativa dei privati;
  • individuare le azioni necessarie al miglioramento dei servizi della mobilità turistica, dei trasporti a supporto della competitività dell’offerta;
  • sperimentare iniziative di orientamento verso il mercato del lavoro nel settore turistico con il supporto di attività formative dedicate.

Rispondendo ad una manifestazione di interesse (Dicembre 2018) e successivamente partecipando a questa riunione (13 Marzo 2019), l’associazione San Martino ha confermato la propria disponibilità ad avviare la collaborazione con tutti gli attori e i promotori dell’iniziativa.