6 Novembre 2021. Convegno diocesano della Caritas di Nardò – Gallipoli.

La rete europea dei centri culturali dedicati a San Martino, in prossimità della festa del Santo, ha pensato quest’anno di consegnare un Premio della Condivisione ad una realtà o aduna persona che si è distinta nella testimonianza della carità. Questa opera che desidero consegnare alla Caritas diocesana raffigura il mantello di San Martino ed è stata realizzata da un monaco dell’Abbazia di Ligugé (Francia), Antoine Frédéric, il quale ha ripreso la tradizione degli smalti di Ligugé
In prossimità della festa di S. Martino dell’11 Novembre, patrono di Taviano, a nome dell’associazione “Centro Culturale San Martino di Taviano” e della Rete europea dei centri culturali, ho consegnato il PREMIO DELLA CONDIVISIONE (istituito a Tours) alla Caritas diocesana di Nardò Gallipoli nella persona del suo presidente, S.E. Mons. Fernando Filograna, e del direttore don Giuseppe Venneri.
DESCRIZIONE DEL PREMIO
Fondata nel 361 da San Martino, l’abbazia di Ligugé, che si trova a pochi chilometri da Poitiers, è uno dei più antichi monasteri d’Occidente.
Nel 1950 i monaci fecero rivivere la grande tradizione degli smaltatori medievali. La collaborazione con artisti contemporanei (Braque, Rouault, Chagall, Manessier…) ha permesso la creazione di pezzi unici e particolarmente originali.
Condividendo il suo mantello con un povero alle porte della città di Amiens, San Martino ha aperto in qualche misura la porta del cielo. In effetti, la notte seguente, egli ha visto il Cristo rivestito della metà del mantello che egli aveva donato al povero.
Questo è ciò che viene rappresentato in questo smalto. Le due grandi metà rosse del mantello condiviso da Martino sono come due battenti di una porta che si apre sul cielo stellato. Ma condividendo il suo mantello in questo luogo frequentato che era la porta di una città, Martino ha anche aperto gli occhi e svegliato le coscienze delle persone che si trovavano là.
Egli ha tracciato un cammino verso il cielo, un cammino di fraternità e di condivisione. Il cammino di San Martino è rappresentato sulla parte bassa dello smalto in verde e con ciò si vuole indicare una striscia verde, simbolo di condivisione per lo sviluppo sostenibile e la cittadinanza che lega la città di Szombathely, luogo di nascita di san Martino, a Tours, luogo di cui Martino divenne vescovo il 4 luglio del 371. In occasione del 1650° anniversario dell’ordinazione di San Martino, vescovo di Tours, questo smalto è stato benedetto nell’abbazia di Ligugé la domenica del 4 Luglio 2021.

Il premio ha lo scopo di incoraggiare la conversione ecologica e sociale, la condivisione e la responsabilità etica a livello personale e comunitario in diversi settori come l’ambiente e lo sviluppo sostenibile (acqua, aria, terra); l’ambito sociale (solidarietà globale: umanitaria, solidarietà locale); l’ambito economico; l’ambito culturale dell’arte, della cultura e dell’istruzione.

MOTIVAZIONE
A nome dell’associazione “Centro Culturale San Martino di Taviano” e della rete europea ho consegnato questo premio, simbolo della condivisione, alla Caritas diocesana di Nardò Gallipoli nella persona del suo presidente, S.E. Mons. Fernando Filograna, e del direttore don Giuseppe Venneri. Grazie al loro impegno, sostenuto da tanti volontari, sono stati realizzati numerosi segni e tante opere di carità cristiana:
– le mense della carità di Nardò, di Gallipoli che offrono quotidianamente 300 pasti a tutte le persone bisognose e in difficoltà;
– il sostegno e l’aiuto ai migranti nella masseria Boncuri; l’accoglienza notturna nel centro Agapolis, situato a Gallipoli presso la Parrocchia S. Antonio di Padova; l’organizzazione dell’accoglienza di famiglie o singole persone arrivate in questi giorni dall’Afghanistan;
– il recupero di un bene confiscato alla mafia a Copertino, destinato ad attività di agricoltura biologica e di inclusione sociale;
– l’attenzione e la cura nei confronti delle persone che vivono condizioni di povertà materiali spirituali nel territorio della nostra diocesi;
– il sostegno all’istruzione e all’educazione per il diritto allo studio dei ragazzi attraverso l’istituzione di borse di studio;
– il progetto Cuore a Cuore in Nardò;
– il progetto di economia civile opera Seme per la promozione e la valorizzazione del lavoro, del territorio (della sua vocazione agricola e turistica) e della persona umana.
Tutte queste opere buone sono segni visibili e testimonianze concrete del Bene e ci incoraggiano a renderci imitatori di Cristo con perfetta letizia.

Riunione del Gruppo di Lavoro 5 “Città e territori” della piattaforma ICESP

Il 10 Giugno 2020 si è svolta la Riunione del Gruppo di Lavoro 5 “Città e territori” della piattaforma ICESP, di cui il Centro Culturale San Martino è membro. La Rassegna 2019 sulle buone pratiche, dal titolo “LA TRANSIZIONE VERSO LE CITTÀ CIRCOLARI”, a cui abbiamo collaborato con altri stakeholders istituzionali e della società civile, è ormai pronta e si articola in diverse sezioni: 1. gestione dei materiali nel processo edilizio; 2. spreco alimentare; 3. energia; 4. mobilità; 5. turismo; 6. digitalizzazione dei servizi; 7. qualificazione del capitale umano e sociale nei sistemi di istruzione e di formazione, curato dal Centro S. Martino (Silvio Spiri) e dall’Università del Salento (Prof. Del Vecchio); 8. Opportunità e finanziamenti. Nel corso della riunione sono emersi numerosi spunti, sono stati condivisi i progetti concreti già realizzati da cui certamente trarremo linfa vitale per la programmazione futura. Inoltre, il gruppo di lavoro ha programmato tre webinar sui temi:
1. Rifiuti umido – Luglio 2020.
2. Materiali di costruzione e demolizione.
3. Plastiche.
Su invito dell’ENEA e della coordinatrice, la Dott.ssa Grazia Barberio, siamo lieti di poter offrire il nostro contributo nell’elaborazione dei contenuti dei prossimi webinar con particolare attenzione al tema della legalità e della lotta all’eco-mafia. Bisogna costruire una prospettiva nuova di governance e progettazione a livello locale per favorire la transizione verso nuovi modelli di economia circolare

Nuova pubblicazione del “Centro Culturale San Martino – Regione Puglia” e dell’Università del Salento

http://siba-ese.unisalento.it/index.php/paceediritti/issue/view/1711

Il volume “PACE E DIRITTI UMANI NEL MEDITERRANEO. Migranti, rifugiati e richiedenti asilo” è il frutto di una collaborazione tra il Centro Culturale San Martino e l’Università del Salento.
Gli incontri filosofici del 2018 a Taviano, Racale e Lecce sono stati una tappa importante del cantiere culturale che abbiamo aperto con la Regione Puglia e con il Comune di Taviano.
Questo libro Open access è la seconda tappa che abbiamo costruito grazie alla generosa disponibilità di tutti i partecipanti.
Il Centro Culturale San Martino ha collaborato per questa pubblicazione con docenti e dottori di ricerca dell’Università del Salento, con altri illustri studiosi, con i ricercatori dell’IPRES Puglia, con il Giudice Roberto Tanisi, con la Dirigente di Racale Stefania Manzo. Sono grato a tutti ed in particolare al Prof. Attilio Pisanò e al Prof. Gioia che hanno accolto e appoggiato la proposta di una pubblicazione. Occorre proseguire e allargare la collaborazione con altre iniziative e progetti per costruire l’umanesimo della solidarietà attraverso la comunione tra le persone.pace e diritti umani

ICESP- Piattaforma italiana per l’economia circolare

Il Coordinamento tecnico ICESP ENEA/SSPT-SEC comunica la ratifica dell’adesione del Centro Culturale San Martino alla piattaforma ICESP- Piattaforma Italiana per l’economia circolare.
www.icesp.it

Chi siamo
I membri della Piattaforma ICESP sono Istituzioni della Pubblica Amministrazione locale e centrale, del mondo della formazione, ricerca ed innovazione ma anche Imprese, Associazioni di categoria e rappresentanti della società civile. Tutti aderiscono alla Carta ICESP, che definisce gli obiettivi, la composizione, i campi di interesse e gli strumenti operativi della piattaforma.

Comitato dei coordinatori dei gruppi di lavoro
Pubblica amministrazione
Agenzia Coesione Territoriale – Comune di Pesaro – MATTM – MISE – Regione Puglia

Imprese e associazioni di categoria
CNA – Enel – Fise Unicircular – Mercato Circolare – PVC Forum – Radici Group – Unioncamere
Ricerca, Formazione e Innovazione
ENEA – Università di Bari – Università di Bologna – Università IUAV di Venezia
Coordinamento tecnico della Piattaforma ICESP a cura di ENEA

Altri firmatari
Pubbliche amministrazioni
Comune di Cagliari – LGCA – Regione Emilia Romagna – Regione Lombardia – Sviluppummbria

Imprese e associazioni di categoria
Acea Ambiente – AIC – AIPE – AMA – Ambiente SpA – ANIEM Lazio – Arcelormittal – Business Integration Partners S.p.A. – CAAB S.p.A – Centrocot – CIC – Cluster Agrifood – Cluster SPRING – CONFAPI Roma – Confartigianato – CONFETRA – CONFINDUSTRIA – CONFINDUSTRIA VENEZIA GIULIA – CONTENTO TRADE – Corepla – Ecodom – Ecoinnovazione – Eloop Consulting – ENAIP NET – ENI – Federbeton – FISE Assoambiente – Green Tech Italy – HERA – Ingelia Italia S.p.A. – Intesa San Paolo – Italbiotec – Jcoplastic SpA – Legacoop Puglia – LMPE – Lucart Spa – MATREC srl – Mercatino S.r.l. – Nespresso – Novamont – Novus – Orim SpA – RE-CORD – Remedia – RINA – Seri Industrial – SIFA TECHNOLOGY – SIMPOOL s.r.l. – Utilitalia – Wastly

Enti di ricerca, Università
Dipartimento ABC del Politecnico di Milano – Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino – Fondazione Ecosistemi – Fondazione Eni Enrico Mattei – FONDAZIONE LINKS – Fondazione per lo Sviluppo sostenibile – ISPRA – Istituto Nazionale di Urbanistica – INU – Liguria ricerche – Politecnico di Bari – SEEDS-Università di Ferrara – Università degli Studi della Tuscia – Università degli Studi di Ferrara – Università Niccolò Cusano – Università Roma 3

Rappresentanti della società civile
Amici della Terra ONLUS – Associazione Italiana per lo Sviluppo dell’Economia Circolare-AISEC, Centro Culturale San Martino – Regione Puglia – CGIL (Confederazione Generale Italiana del Lavoro) – CISL (Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Energia, Sicurezza, Ambiente, Territorio) – CLASS – Movimento Legge Rifiuti Zero – UIL Nazionale

Conferenza ICSEP, Roma 27 Novembre 2019

Con la sottoscrizione della Carta ICESP (Piattaforma italiana dell’economia circolare), la candidatura del Centro Culturale San Martino è stata accolta ufficialmente come espressione della società civile, insieme ad altre 41 nuove organizzazioni (aziende, istituzioni e associazioni). Nella prima giornata della #ConferenzaICSEP2019, a cui ho partecipato questo pomeriggio, sono stati individuati 8 ambiti per la strategia italiana per l’economia circolare ha:
1. Governance.
2. Strumenti economici.
3. Strumenti normativi, regolamentari e tecnici.
4. Pianificazione e Gestione urbana e territoriale in chiave circolare.
5. Mercato dei sottoprodotti e dei riciclati.
6. Sistema infrastrutturale.
7. Strumenti di misurazione.
8. Formazione, informazione e cultura.

Buone prassi di economia circolare – ICESP, Enea

Il Centro Culturale San Martino è membro del Gruppo di lavoro “Città e territorio. Economia circolare nelle aree urbane e periurbane” che opera all’interno della Piattaforma Italiana dell’economia circolare, promossa dall’ENEA. Come stabilito nella riunione del 25 Settembre 2019 a Roma, la nostra associazione ha il compito di sviluppare il settore “Scuola e cultura” nei contesti urbani per una rassegna multidisciplinare e multisettoriale in fase di realizzazione con il contributo di vari stakeholders nazionali.  Per favorire la partecipazione del territorio alla strategia nazionale ed europea dell’economia circolare e dello sviluppo sostenibile, INVITIAMO istituzioni, enti pubblici e privati, scuole, aziende, associazioni ed esperti del settore a compilare e inviare un modulo di buone pratiche. C’è tempo fino al 20 Ottobre!

Aggiornamenti

Il “Centro Culturale San Martino”.

 

1) è iscritto nel Registro  delle associazioni di promozione sociale della Regione Puglia;

 

2) è iscritto nell’Elenco regionale delle organizzazioni di terzo e quarto settore per la formalizzazione di partnership con il Garante regionale dei diritti del Minore. Esito avviso pubblico di cui alla determinazione della Sezione Garanti regionali n. 49/2018 (aggiornamento del 2 Luglio).

 

3) dal 18 Luglio è iscritto anche nell’Albo regionale dei soggetti operatori di partenariato, di cooperazione internazionale e di promozione della cultura dei diritti umani”. DPGR 299/2019 – anno 2019. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 luglio 2019, n. 440 Legge regionale 25 agosto 2003, n. 20 ‘Partenariato per la cooperazione’ – art. 9.

 

            Nell’ambito della legge regionale sulla partecipazione della Regione Puglia, Il 31 Maggio 2019 abbiamo presentato una proposta progettuale sul tema dell’agricoltura sociale e dell’educazione allo sviluppo sostenibile con il partenariato del GAL Capo S. Maria di Leuca, del Forum nazionale dell’agricoltura sociale, della Parrocchia Beata Vergine Maria Addolorata di Taviano.

 

 

            Per promuovere il dialogo interculturale, la pace e la cultura dei diritti umani, stiamo costruendo un percorso culturale e il 22 Luglio 2019 abbiamo presentato alla Regione Puglia una proposta progettuale con il partenariato dell’Università del Salento (Corso di laurea in scienze politiche e delle relazioni internazionali), della Fondazione Emmanuel – Don Francesco Tarantini per le Migrazioni e il Sud del Mondo, con il partenariato dell’Istituto Comprensivo Statale Italo Calvino di Alliste, con il partenariato dell’Associazione Integra Onlus, dell’Associazione popoli e culture onlus, con il partenariato del Progetto Agapolis – Parrocchia Sant’Antonio di Padova di Gallipoli e con tutti coloro che vorranno contribuire alla costruzione di nuovi orizzonti.